Tristezza

Percepisco la tristezza, tutta quanta

Pensieri di uomini schifosi

Le manifestazioni di piazza italiane mi mettono tristezza. Hanno in sé il germe del finito, dell’indeterminatezza, della sterilità e, anche, del patetico. Dietro non c’è niente. Non c’è progettualità. Non c’è un’idea di società o di politica. Persino la violenza è estemporanea e fine a se stessa (non tutte le violenze, lo sono).

In Francia la società civile è stata apparentemente silente ma ha spazzato via, in soli 5 anni, quello che sembrava poter diventare un sistema, cioè il potere di destra di Nicolas Sarkozy. Novello Berlusconi, si è accomodato fuori dai palazzi del potere ed è sparito.

In Grecia si è scelta la violenza. Scelta legittima quando una società viene mutilata, tormentata, violentata dalle ruberie dei politici da una parte e dai tagli imposti da agenti esterni come il Fondo Monetario dall’altra. E, al momento del voto, quella stessa società civile ha mandato quasi al potere Tsipras

View original post 126 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...